Ri-leggendo: I reietti dell’altro pianeta di Ursula K. Le Guin

9788804642497-i-reietti-dell-altro-pianeta_copertina_piatta_fo«C’era un muro… Come ogni altro muro, anch’esso era ambiguo, bifronte. Quel che stava al suo interno e quel che stava al suo esterno dipendevano dal lato da cui lo si osservava.»

“C’era un muro… Come ogni altro muro, anch’esso era ambiguo, bifronte. Quel che stava al suo interno e quel che stava al suo esterno dipendevano dal lato da cui lo si osservava.” Sui dei fronti del muro, due pianeti gemelli, Urras e Anarres, illuminati da uno stesso sole ma divisi da una barriera ideologica antica di secoli. Urras è fittamente popolato, tecnologicamente avanzato, ricco, florido, retto da un’economia liberista. Da qui sono partiti nella notte dei tempi i seguaci di Odo che hanno colonizzato l’arido Anarres, fondandovi una comunità anarchico-collettivista che non conosce concetti come proprietà, governo, autorità. In questa società apparentemente perfetta nasce Shevek, genio della fisica alle prese con un’innovativa teoria del tempo, un vero “cittadino del cosmo” che dedicherà la vita ad abbattere il muro che separa da sempre i pianeti gemelli. Un’ambigua utopia, come recita il sottotitolo originale del romanzo, “I reietti dell’altro pianeta” è una narrazione che, fingendo di parlare del futuro, racconta il mondo di oggi.

Leggi QUI un’interessante recensione

Tags: anarchia, anarres, fantascienza, libro, mondadori editore, romanzo, ursula le guin, utopia
Pubblicato in Libri (20/1/2016)

Lascia un commento